bonus mobili 2017

Bonus Mobili: spetta nel 2017 solo se…

E’ stata pubblicata da poco dall’Agenzia delle Entrate, la versione aggiornata a gennaio 2017 della Guida alle agevolazioni per il Bonus Mobili, con la detrazione del 50% per chi arreda la casa ristrutturata.

L’Agenzia ricorda che, la legge di bilancio 2017 ha stabilito che la detrazione Irpef del 50% per le spese sostenute  nell’acquisto dei mobili e di grandi elettrodomestici, di classe non inferiore alla A + (A per i forni), è valida anche per le spese sostenute nell’anno 2017, che siano però collegate ad interventi di ristrutturazione edilizia iniziati nell’anno 2016.

Per gli interventi iniziati nell’anno 2016, che proseguono nel 2017, l’importo massimo agevolabile è di 10.000 euro considerato al netto delle spese sostenute nello stesso anno, per le quali si è fruito della detrazione.

Le casistiche però non sono cambiate rispetto al passato.

Per ottenere il bonus mobili e elettrodomestici è necessario effettuare uno dei seguenti interventi:

  • Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti.
  • Manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.
  • Ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, a condizione che sia stato dichiarato lo stato di emergenza.
  • Restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia relativa a interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile.

Mentre non hanno diritto al Bonus mobili e elettrodomestici i lavori di manutenzione ordinaria sui singoli appartamenti come ad esempio: tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, e il rifacimento di intonaci esterni.

L’Agenzia però ricorda che nel caso in cui una parte degli acquisti siano già stati portati in detrazione con il regime precedente, l’importo massimo di 10.000 euro, riferito a quei lavori iniziati nel 2016 o 2017, deve essere considerato al netto delle spese per le quali si è fruito dell’agevolazione.

Si ha diritto all’agevolazione per l’acquisto dei mobili all’estero se si eseguono gli stessi adempimenti degli acquisti effettuati in Italia, il tutto documentando con fattura e pagando con carta di credito o debito).

Viene anche precisato che la detrazione non è prevista per la realizzazione di box o posti auto pertinenziali rispetto all’abitazione principale.

SCARICA LA GUIDA SUL BONUS MOBILI

Richiedi maggiori informazioni sul Bonus mobili e elettrodomestici a La Casa dei Tuoi Sogni

Il tuo nome o azienda (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here